come creare un sito web

Come creare un sito web

 

È ormai risaputo che il web ha rivoluzionato il modo di fare business e ormai è indispensabile avere un sito di qualità per ogni tipo di attività.

 

 Illustreremo con tutta sincerità come attualmente si possono realizzare siti web sia gratis sia a pagamento, siamo certi che alla fine la sincerità paga e per questo abbiamo deciso di realizzare questo articolo per chiarire le opzioni che si hanno al momento di realizzare un sito web.

Ovviamente non abbiamo deciso di metterci da soli i bastoni tra le ruote già che anche noi ci dedichiamo alla realizzazione di siti, web marketing e altro. In Strumenti4web lavoriamo con uno stillo freelance, siamo appassionati e professionisti di tecnologie del web e raduniamo le persone più capaci per la realizzazione di ogni progetto, perche ogni progetto ha caratteristiche diverse.    

 

Vediamo quindi quali sono le diverse opzioni per avere un sito web e quali sono i vantaggi e gli svantaggi.

 

La cosa più importante da capire è che tutto dipende del tipo di lavoro che intendiate fare, cioè a cosa vi servirà il vostro sito web e ovviamente alle vostre disponibilità economiche.

Bisogna tenere in mente che se volete un sito diciamo vetrina, dove più che altro ci sarà informazione (anche il livello di contenuto importa) allora le opzioni semplici e standardizzate (meno costose) potrebbero andare al vostro caso.

Se invece vorresti un sito molto personalizzato con addirittura funzionalità specializzate (esempio: il vostro cliente può riempire un file preimpostato i dettagli di un prodotto o servizio desiderato e il sistema genera un prezzo \ preventivo, o altre scelte da voi immaginate) allora parliamo di una programmazione più specializzata e il costo naturalmente sale. 

 

È possibile creare un sito web gratis?

 

E bene si è possibile farti un sito web gratis o almeno quasi, vediamo le opzioni che ci sono sempre ricordando che tutte queste opzioni sono piattaforme con delle limitazioni a livello di personalizzazione e richieste particolari. Tra le opzioni gratuite in giro ci sono:

 

Worpress.com;

È forse il più conosciuto, si può migliorare le opzioni base con opzioni a pagamento o, in caso di necessità, trasferire facilmente su un dominio proprio.  Nonostante presenti importanti limitazioni, comparato con il fratello maggiore (WordPress.org), questa piattaforma a dominio gratuito ha differenti piani secondo le diverse esigenze, e si può passare alle soluzioni successive, più complete, quando sia necessario. Ci sono diversi Temi che potete usare pero Attenzione, non crediate che possiate personalizzare tutto, per far ciò dovresti avere conoscenze come minimo di html e css. 8.25 € al mese il piano più conveniente.

 

wix.com;

Offre la possibilità di creare un sito gratis ma non con il vostro dominio personalizzato, in fatti non è il massimo avere un sito con il nome www.nomedeltuosito.wix.com  se poi volete avere un sito con il vostro dominio come tutti d’altronde,  vi costerà minino 12 € al mese.

La facilita di spostare gli elementi del blog all’interno di una griglia è una delle opzioni più apprezzate, anche qui vale la regola della personalizzazione, anche se la piattaforma offre molti strumenti, a volte magari non sarà esattamente con voi lo volete.

 

Jimdo;

È gratis se continuate con il sotto dominio www.nomedelvostrosito.jimdo.com , altrimenti pagate minimo 6.50€ al mese per avere un dominio personalizzato.

Con uno spazio inferiore a 500 MB (non molto) e un’interfaccia friendly rispetto a qualsiasi dispositivo mobile o computer (dispone anche di una App per Android e IOS). Questa piattaforma ci dà l'opportunità di aprire un blog personale o un e-commerce, ma con alcune limitazioni che si possono migliorare nelle due versioni a pagamento (da 6,50€ all‘anno.)

Weebly.com

Oltre a un’opzione gratuita, anche una serie di piani su misura a partire da 4€ al mese per l’uso personale e 23 € al mese per uso business, anche qui Weebly offre diversi temi in base al tipo di attività.

 

Vediamo adesso i vantaggi e gli svantaggi di queste piattaforme:

 

Vantaggi

  • Non c’è bisogno di sapere nessun linguaggio di programmazione.
  • Ci sono già temi predisposti per tipo di attività (anche se i temi avvolte sono tropo semplici.)
  • Offrono un piano gratuito e se ti trovi bene poi passare a un piano a pagamento.
  • Sei subito online anche se con un sotto dominio con marchio della piattaforma ospitante.

Svantaggi

  • Il livello di personalizzazione è limitato, non sempre potete fare quello che volete.
  • Le prestazioni sono limitate in termini di spazio web, banda larga e per aumentarla ti costa di più.
  • La piattaforma in questione è la proprietaria del tuo blog o pagina web, ossia è chi stabilisce le regole del gioco (così come nelle reti sociali);
  •  Alcune offrono pubblicità sulla quale tu non avrai alcun controllo.
  • Se mai vi servisse assistenza per qualcosa che non potete fare, non sempre è facile ottenerla e se la avrete loro, possono dare consigli muovendosi negli istrumenti della piattaforma, non hai programmatori che lavorano per te e che a chiamata ti risolvono il problema.
  • Gli strumenti di posizionamento sono un po’ incerti, non si vede speso sito web fatti con questi strumenti e che ottengano un buon posizionamento su google. 
  • Il sito resta vincolato all'abbonamento e quindi se vorrete recedere dal contratto, cancellerete anche il vostro sito anche se lo avete da due anni e quindi pagato per quel tempo.  

 

Contrattare un’agenzia web

 

Abbiamo visto le opzioni gratuite, adesso pare doveroso dire anche che esistono altri sistemi per avere un sito web, tra cui, chiamare un’agenzia, questa conta con programmatori esperti e sono mesi a lavorare al progetto che si presente. C’è da dire che chi si rivolge a un’agenzia ovviamente lo fa perche non ha tempo da dedicare al sito e preferisce lasciarlo ai professionisti per utilizzare il tempo nello sviluppo del proprio business, ha un più di risorse economiche e magari non si vuole improvvisare e rischiare di dare un’immagine sbagliata ai suoi clienti.

 

Vantaggi

  • Ovviamente non ti dovrai preoccupare di nulla e saranno loro a fare tutto (o quasi) per te.
  •  L’assistenza è o dovrebbe essere impeccabile.
  • Offrono pacchetti di mantenimento e anche di marketing per il tuo sito.
  • Se decidete di non servirvi più dei loro servizi, potrete spostare il sito presso altra agenzia, mentre con la piattaforma gratis il sito resta vincolato all'abbonamento e quindi se vorrete recedere dal contratto, cancellerete anche il vostro sito.

 Svantaggi

  • Ovviamente sono costose già che come agenzie hanno i loro costi fissi (locale, utenze, personale.)
  • Fare attenzione al tipo di contratto che vi propongono (manutenzione e successivi cambi \ sviluppo) non tutte, ma alcune ti possono proprio spennare anche per un minimo cambio.

 

Contrattare dei freelance

 

In fine ma non per ultimi arriviamo ai freelance, i quali sono web designer, programmatori, esperti di posizionamento e web marketing, grafici e altro. A differenza delle agenzie questi lavorano da soli e ovviamente non hanno dei costi fissi che hanno le agenzie e anche per questo sono più economici.

 

Vantaggi

  • Usualmente sono più economici e  ti offrono diverse opzioni in base alle tue necessità.
  • Sono più disponibili tanto che speso sono loro ad andare da te.
  • In molti casi sono giovani e con la voglia di fare quindi avrai forza fresca e creativa per il lavoro che voi fare.

 

Svantaggi

  • Il problema più grande è che non sai mai con che tipo di freelance ti trovi e quindi se è bravo o, pure no, consigliamo per questo sempre di richiedere sempre un portafoglio di lavori precedenti in modo di valutare bene chi stai ingaggiando.
  • Loro non hanno padroni quindi potrebbero tranquillamente piantarti il naso, bisogna sempre prendere quelli seri che ti propongono un preventivo chiaro e con le relative clausole di avanzamento e recesso del lavoro.

 

Ci auguriamo che questo articolo sia stato utile, per maggiori informazioni non  esitare a contattarci.

Share this post

Leave a comment

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.